Festa Dell’Epifania: l’Origine del Suo Vero Significato

‘Al vedere la stella, essi provarono una grandissima gioia… Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, e prostratisi lo adorarono’ 

(Vangelo di Matteo)

L’Epifania (anche detta Epifania del Signore) è nota come una festa cristiana celebrata dodici giorni dopo il Natale, ossia il 6 gennaio per le chiese occidentali. Quando ero bambina, Don Paolo a catechismo ci disse che il 6 gennaio l’incontro dei Re Magi con Gesù.

Solo da grande, nelle mie ricerche, ho scoperto che il termine epifania deriva dal greco antico e significa manifestazioneapparizione, venutapresenza divina. E sono anche venuta a conoscenza che l’origine di questa festa è collegata alle tradizioni agricole pagane. Anticamente, infatti, nella dodicesima notte dopo il solstizio invernale si celebrava la morte e la ri-nascita della Natura attraverso la figura pagana della Dea Madre.

I Romani credevano che in queste dodici notti delle figure femminili ‘volassero’ sui campi appena seminati come rito propiziatorio dei futuri raccolti.

Ovviamente, la Chiesa condannò con estrema forza tali credenze e superstizioni, definendole opera di influenze sataniche. Tutto questo diede origine a molti racconti e leggende che, in epoca medievale, diventarono la personificazione della Befana il cui aspetto, seppur benevolo, ha una evidente e chiara rassomiglianza con una ‘strega’.

Considero di grande importanza conoscere le origini delle simbologie, dei racconti, dei credo che hanno ‘formato’ la nostra infanzia e adolescenza, così da disporre di più strumenti per prendere coscienza del mondo spirituale che è dentro e al di fuori di noi.

Per questo, con piacere, pubblico questo articolo che ci aiuta a comprendere il significato esoterico (dal greco antico esoteros, ‘interiore’) di questa solenne festività.

Gli studi esoterici sono rivolti alla natura interna dell’uomo e portano, attraverso l’introspezione, alla riscoperta di se stessi, alla conoscenza della propria ‘natura interiore’, della Verità)

La Befana. La Tradizione e il Significato Esoterico 

 

Conosciamo tutti il significato che la religione cristiana ha dato alla festività dell’Epifania, ma forse non tutti sappiamo che dietro la presunta storpiatura che ha trasformato il termine Epifania in ‘Befana’, c’è una serie di tradizioni antiche che sono riuscite, faticosamente, a sfidare i millenni e a giungere fino a noi.

L’origine della Befana è nel mondo agricolo e pastorale. Anticamente, infatti, la dodicesima notte dopo il solstizio invernale, si celebrava la morte e la rinascita della natura, attraverso la figura di Madre Natura. In questa notte Madre Natura, stanca per aver donato tutte le sue energie durante l’anno, appariva sotto forma di una vecchia e benevola strega, che volava per i cieli con una scopa. Oramai secca, Madre Natura era pronta ad essere bruciata come un ramo, per far sì che potesse rinascere dalle ceneri come Giovinetta Natura, una luna nuova. Per meglio capire questa figura dobbiamo andare fino al periodo dell’antica Roma.

Già gli antichi Romani celebravano l’inizio d’anno con feste in onore al Dio Giano (e di qui il nome Januarius al primo mese dell’anno) e alla Dea Strenia (e di qui la parola strenna come sinonimo di regalo). Queste feste erano chiamate Sigillaria; ci si scambiavano auguri e doni in forma di statuette d’argilla, o di bronzo e perfino d’oro e d’argento. Queste statuette erano dette ‘sigilla’, dal latino sigillum, diminutivo di signum, statua. Le Sigillaria erano attese soprattutto dai bambini che ricevevano in dono i loro sigilla (di solito di pasta dolce) in forma di bamboline e animaletti.

Questa tradizione di doni e auguri si radicò così profondamente nella gente, che la Chiesa dovette tollerarla e adattarla alla sua dottrina. In molte regioni italiane per l’Epifania si preparano torte a base di miele, proprio come facevano gli antichi Romani con la loro focaccia votiva dedicata a Giano nei primi giorni dell’anno. Usanza antichissima e caratteristica è l’accensione del ceppo, grosso tronco che dovrà bruciare per dodici notti.

È una tradizione risalente a forme di culto pagano di origine nordica: essa sopravvive l’antico rito del fuoco del solstizio d’inverno, con il quale si invocavano la luce e il calore del sole, e si propiziava la fertilità dei campi. E non è un caso se il carbone che rimane dopo la lenta combustione, che verrà utilizzato l’anno successivo per accendere il nuovo fuoco, è proprio tra i doni che la Befana distribuisce (trasformato chissà perché in un simbolo punitivo).

In epoca medioevale si dà molta importanza al periodo compreso tra il Natale e il 6 gennaio, un periodo di dodici notti dove la notte dell’Epifania è anche chiamata la ‘Dodicesima notte’.

È un periodo molto delicato e critico per il calendario popolare, è il periodo che viene subito dopo la seminagione; è un periodo, quindi, pieno di speranze e di aspettative per il raccolto futuro, da cui dipende la sopravvivenza nel nuovo anno. In quelle dodici notti il popolo contadino credeva di vedere volare sopra i campi appena seminati Diana con un gruppo più o meno numeroso di donne, per rendere appunto fertili le campagne.

Nell’antica Roma Diana era non solo la Dea della Luna, ma anche la Dea della Fertilità e nelle credenze popolari del Medioevo Diana, nonostante la cristianizzazione, continuava ad essere venerata come tale. All’inizio Diana e queste figure femminili non avevano nulla di maligno, ma la Chiesa Cristiana le condannò in quanto pagane e per rendere più credibile e più temuta questa condanna le dichiarò figlie di Satana! Diana, da buona Dea della Fecondità diventa così una divinità infernale, che con le sue cavalcate notturne alla testa delle anime di molte donne stimola la fantasia dei popoli contadini.

Di qui nascono i racconti di vere e proprie streghe, dei loro voli e convegni a cavallo tra il vecchio e il nuovo anno. Nasce anche da qui la tradizione diffusa in tutta Europa che il tempo tra Natale ed Epifania sia da ritenersi propizio alle streghe. E così presso i tedeschi del nord Diana diventa Frau Holle mentre nella Germania del sud, diventa Frau Berchta.

Entrambe queste ‘Signore’ portano in sé il bene e il male: sono gentili, benevole, sono le Dee della Vegetazione e della Fertilità, le protettrici delle filatrici, ma nello stesso tempo si dimostrano cattive e spietate contro chi fa del male o è prepotente e violento.

Si spostano volando o su una scopa o su un carro, seguite dalle ‘Signore della Notte’, le maghe e le streghe e le anime dei non battezzati. Strenia, Diana, Holle, Berchta,… da tutto questo complesso stregonesco, ecco che finalmente prende il volo sulla sua scopa una strega di buon cuore: la Befana.

Valicate le Alpi, la Diana-Berchta presso gli italiani muta il suo nome e diventa la benefica Vecchia del 6 gennaio, La Befana, rappresentata come una strega a cavallo della scopa, che, volando nella dodicesima notte, lascia ai bambini dolci o carbone.

Come Frau Holle e Frau Berchta, la Befana è spesso raffigurata con la rocca in mano e come loro protegge e aiuta le filatrici. Nella Befana si fondono tutti gli elementi della vecchia tradizione: la generosità della Dea Strenia e lo spirito delle feste dell’antica Roma; i concetti di fertilità e fecondità della mite Diana; il truce aspetto esteriore avuto in eredità da certe streghe da tregenda; una punta di crudeltà ereditata da Frau Berchta.

Ancora oggi un po’ ovunque per l’Italia si eseguono diversi riti purificatori simili a quelli del Carnevale, in cui si scaccia il maligno dai campi grazie a pentoloni che fanno gran chiasso: il 6 gennaio si accendono i falò, e, come una vera strega, anche la Befana viene qualche volta bruciata…

Nella Befana rivivono, quindi, simbolicamente culti pagani, antiche consuetudini, tradizioni magiche. Forse qualcosa in più di quello che superficialmente appare…

La Festa della Dodicesima Notte ispirò tra gli altri William Shakespeare che scrisse la omonima commedia che ebbe la prima rappresentazione il 6 Gennaio del 1601 al Globe Theatre di Londra.

Beatrice Marchetti

fonte: http://blog.libero.it/Shopia/9717309.html

About istitut1